Shutter walks: l'ora blu di Locorotondo (Dicembre 2013)

Una delle cose che più mi attirano fotograficamente parlando è quella di fare delle brevi ma intense passeggiate in luoghi fotogenici in ore di luce particolare, in velocità, rigorosamente punta e scatta a mano libera, agendo d'istinto per cogliere al volo le visioni periferiche e gli spunti improvvisi. 

OMD EM5 + Zuiko 17/1,8 - 1/400 sec f 4 ISO 1600



Il passaggio dal tramonto, alla sera, passando per l'ora blu (the blue hour), offre dimensioni di luce che cambiano ogni istante; il mix di luci artificiale e naturale che si invertono nel peso complessivo del frame, si miscelano e si affiancano offrendo atmosfere particolari, sono sempre una nuova scoperta.

Sono già stato parecchie volte in passato a Locorotondo, un meraviglioso paesino della Valle D'Itria, in provincia di Bari, ma la luce di questa passeggiata l'ha reso diverso dalle esplorazioni precedenti e anche i miei strumenti lo erano; ho abbandonato per questa volta le focali spinte e mi sono concentrato sullo Zuiko 17mm  f 1,8 montato sulla Olympus OMD E M5 e ho voluto provare anche la resa della mia Lumix GH1 con una lente d'eccellenza come il Leica 25mm f 1,4. Due macchine profondamente diverse per generazione e comportamento del sensore ad alti iso soprattutto.

Con la Olympus ho scattato Raw e JPG, ma ho optato per lo più per usare il JPG a volte con leggeri ritocchi. 
Per comodità ho esposto in ESP compensando, questo mi consente di evitare il puntamento spot per rilevare la luce e posso inquadrare direttamente la scena, facendo un calcolo ad occhio di quanto possano venire bruciate le alte luci nel rilevamento medio del fotogramma e compensare di conseguenza. Uso questa tecnica perché lavoro più facilmente nella composizione del frame, a volte faccio un primo puntamento verso le alte luci per confrontarlo con la media che mi darebbe in ESP e compensare con più precisione.
Sembra una cosa complessa, ma presa l'abitudine si consuma in pochi istanti e mi consente di portare a casa quasi tutti gli scatti in condizioni di luci difficili e costantemente mutevoli come queste. Alla fine il tempo è poco e se si vogliono vedere più parti del nostro soggetto bisogna muoversi velocemente prima che la luce passi.
So già che molti paesaggisti o fotografi che inneggiano alla lentezza storceranno il naso, ma a me piace affrontare così l'esplorazione urbana, con l'apertura di cogliere anche elementi improvvisi in stile street, elementi umani casuali che interagiscono con l'inquadratura e che non sono prevedibili e passano in un attimo, quindi o si è pronti in velocità o si perdono.

Ora spazio alle immagini, per qualunque commento, domanda o impressioni non esitate a scrivermi,
grazie per l'attenzione,

Renato.

Come sempre su Tumblr implemento costantemente la galleria fotografica, QUI potete vedere altri scatti della stessa serata.


OMD EM5 + Zuiko 17/1,8 - 1/50 sec f 1,8 ISO 1600 

OMD EM5 + Zuiko 17/1,8 - 1/200 sec f 3,2 ISO 1600

OMD EM5 + Zuiko 17/1,8 - 1/60 sec f 1,8 ISO 1600

OMD EM5 + Zuiko 17/1,8 - 1/160 sec f 2,8 ISO 1600

OMD EM5 + Zuiko 17/1,8 - 1/50 sec f 1,8 ISO 1600

OMD EM5 + Zuiko 17/1,8 - 1/215 sec f 2,2 ISO 1600

OMD EM5 + Zuiko 17/1,8 - 1/60 sec f 1,8 ISO 1600

OMD EM5 + Zuiko 17/1,8 - 1/80 sec f 1,8 ISO 1600

OMD EM5 + Zuiko 17/1,8 - 1/15 sec f 1,8 ISO 1600

OMD EM5 + Zuiko 17/1,8 - 1/60 sec f 1,8 ISO 1600

OMD EM5 + Zuiko 17/1,8 - 1/60 sec f 1,8 ISO 1600

OMD EM5 + Zuiko 17/1,8 - 1/30 sec f 1,8 ISO 1600

GH1 + Leica 25/1,4 - 1/30 sec f 1,6 ISO 100

GH1 + Leica 25/1,4 - 1/30 sec f 1,6 ISO 125


© Renato Greco 2013 - All rights reserved.

Share this:

ABOUT THE AUTHOR

Hello We are OddThemes, Our name came from the fact that we are UNIQUE. We specialize in designing premium looking fully customizable highly responsive blogger templates. We at OddThemes do carry a philosophy that: Nothing Is Impossible