Profondità di campo nel micro four thirds, come vivere felici con il micro quattroterzi che la raddoppia...

Un tema che è il caso di affrontare e approfondire, e che spesso produce miti e incomprensioni, è la profondità di campo el sistema micro quattro terzi (Micro four thirds)
Facciamo una premessa, il sensore m43 è sensibilmente più piccolo del 35mm, questo comporta un crop factor di 2x delle focali, naturalmente la luminosità resta invariata ma porta a una profondità di campo doppia rispetto a Pieno Formato (35mm). Sono leggi fisiche, che troppo spesso vengono lette come un difetto di questo sistema, e ancora più spesso chi assume posizioni denigratorie lo fa con una certa dose di ignoranza della realtà contingente che ne deriva.

M.Zuiko 75/1,8 


Quindi iniziamo con una delle prime domande, si riescono a staccare i soggetti sfocando?
ceto che si, e parecchio pure.

Ma prendiamo in considerazione le situazioni di luce che comunemente si incontrano, la prima cosa che si sacrifica quando scende la luce è il diaframma, lo si apre, poi intervengono gli iso che salgono e infine i tempi che si abassano. Di conseguenza si lavora a tutta apertura (TA).
Cosa succede lavorando a TA?, beh tanto per cominciare basta vedere le prestazioni delle lenti comuni (ma anche medio alte) luminose a diaframmi di f 1,4 o 1,8 come si comportano per capire che è meglio chiuderle di uno o due stop per entrare nei valori di resa ottimali, e questo comporta il dover salire ulteriormente di iso o abbassare ancora i tempi.

M.Zuiko 45/1,8

Nel sistema m43, sempre per questioni fisiche, si ha che lo sweet spot delle lenti è più in basso, e spesso inizia sin dall'apertura massima, fino a f 5,6 in media. La conseguenza è che potremo lavorare a TA, che a f 1,8 ad esempio avremo una DOF (depth of field) doppia rispetto al 35mm e che quindi sarà più facile avere un'area ragionevole a fuoco senza sacrificare iso o tempi.
Leica Summilux 25/1,4

Naturalmente uno dei punti di forza del successo del sistema è proprio il parco ottiche, con moltissime lenti luminose sia zoom che primes, che mantengono una qualità molto alta e resa omogenea sull'intero frame.

Ora ragionando sulla profondità di campo, in termini assoluti questa dipende da:
- lunghezza focale dell'obiettivo
- distanza dal soggetto
- distanza tra il soggetto e lo sfondo
- apertura
- formato del sensore (che alla fine è la cosa meno importante)

Leica Summilux 25/1,4

M.Zuiko 75/1,8 f 1,8

Lumix 12-35/2,8 f 2,8

Da questi ragionamenti possiamo concludere che nella media, in tutte le situazioni con scarsa illuminazione, avere il doppio della PDC a parità di apertura è conveniente e auspicabile, e risolve un bel po' di problemi, ma c'è sempre un buon margine per la creatività dei giochi sullo stacco e sullo sfocato.

 M.Zuiko 75/1,8 f 1,8

M.Zuiko 75/1,8  f 2,8 

M.Zuiko 75/1,8  f 5,6

Vorrei suggerirvi a riguardo un articolo che trovo tra i più lucidi visti finora, Lindsay Dobson analizza in modo puntuale come, anche in ambito professionistico, nell'atto pratico, ci sono numerosi vantaggi a puntare sul sistema m43. 

Ora lascio parlare le immagini, alcune realizzate appositamente e altre che fanno vedere come sia gestibile e anche creativa all'occorrenza la DOF del sistema.

 M.Zuiko 45/1,8 f 1,8

 M.Zuiko 45/1,8 f 2,8

 M.Zuiko 45/1,8 f 4

M.Zuiko 45/1,8 f 8

--------------------------------

 Lumix 12-35/2,8 f 2,8

  Lumix 12-35/2,8 f 4

 Lumix 12-35/2,8 f 8



© Renato Greco 2014 - All rights reserved

Share this:

ABOUT THE AUTHOR

Hello We are OddThemes, Our name came from the fact that we are UNIQUE. We specialize in designing premium looking fully customizable highly responsive blogger templates. We at OddThemes do carry a philosophy that: Nothing Is Impossible