Perché Fuji? Il mio affiancamento al MFT in un nuovo viaggio personale parallelo.

Qualche settimana fa, nel raduno fotografico di Semplicemente fotografare a Novafeltria (Rn), ho avuto modo di scattare e confrontarmi con molti amici fotografi che adoperavano il sistema Fuji X-Trans, e sebbene in molte situazioni la velocità e versatilità del mio m43 fosse preferibile per me, ci sono stati alcuni scatti del piccolo teatro della città che mi hanno impressionato. Li aveva fatti Mauro Raponi, con una Fuji X-pro1 e una lente che mi ha lasciato basito. Io non ero con lui in quel momento, ho fotografato anche io quel teatro con la OMD EM5 e il Lumix 7-14/4, ma appena ho visto quelle immagini la prima domanda che gli ho fatto è stata con quale lente li avesse fatti. Si trattava del Fuji 14mm f 2,8 preso in prova dal banchetto Fuji che era li per la demo legata all'evento. Credo che sia la prima volta che sono così colpito rispetto a un risultato fotografico (non avevo idea di come avesse fatto quegli scatti), probabilmente il fatto di essere passato nello stesso luogo e con la stessa luce ed aver verificato di persona le possibilità di quello spazio fotografico, mi hanno aiutato a capire il lavoro incredibile che consentiva di fare quella lente.

Dopo di ciò, anche per la gestione dei gap di luci e ombre visti sull’ X-trans, ho deciso di affiancare un corpo macchina Fuji al mio setup MFT, e di sfoltire una buona fetta delle lenti in mio possesso per reinvestire in alcune focali di questo sistema. Il 14mm è stato nei miei desideri fin dall’inizio, ma dato il costo ho preferito aspettare un attimo per cercarlo usato.

Ho optato per la Xe-2 come macchina perché sono più attratto dalle rangefinder, anche come trasportabilità e feeling, il sensore e il processore sono i medesimi dell’ammiraglia X-T1, e anche la velocità dell’Af che per me è molto importante. Certo bisogna adeguarsi a un po’ di compromessi ergonomici e operativi, come ho scritto nel primo hands on pubblicato qui, ma gradualmente il feeling empatico si sta facendo strada e riesco a lavorarci piuttosto bene nelle diverse situazioni.



Una sorpresa è stata la bontà della lente kit, il 18-55/2,8-4 XF che è straordinario nel rapporto prezzo-prestazioni, e credo serenamente che possa sostituire i normali nel suo range focale, molto ben costruito, stabilizzato e con un’ottima resa in tutta l’escursione, anche a fondo corsa di 55mm.



Un compromesso economico è stato il XC 50-230/4,5-6,7, ma si è rivelata una lente leggera, ben stabilizzata, versatile e con una bella resa ottica, vale molto più di quello che costa.
Per ora resto in standby sulle focali tele, sinceramente il 56/1,2 non è quello che cerco, mentre attendo con ansia di vedere il 90/2 in programma per il prossimo anno.




Manterrò le gemme collezionate finora del MFT, sfruttandole in parallelo per le loro peculiarità e tra qualche mese vedrò cosa ripensare o tenere, potendolo fare credo che conoscere e sfruttare al meglio le potenzialità dei singoli sistemi (e per me il consorzio Microquattroterzi (MFT) e Fuji sono tra gli episodi più interessanti nel panorama attuale) possa aiutare ad esprimersi meglio fotograficamente, e che le sinergie siano il modo migliore di procedere quando ci si vuole migliorare.

to be continued…

Registrati a CSC Talk, il forum delle fotocamere mirrorless e accedi per seguire le discussioni.



Share this:

ABOUT THE AUTHOR

Hello We are OddThemes, Our name came from the fact that we are UNIQUE. We specialize in designing premium looking fully customizable highly responsive blogger templates. We at OddThemes do carry a philosophy that: Nothing Is Impossible